La ricerca sulle cellule staminali darà mai una risposta alla sordità?

Uno degli aspetti incredibili della ricerca sulle cellule staminali è l’ampiezza delle condizioni che possono essere potenzialmente trattate. La perdita dell’udito è una di queste condizioni. La sperimentazione è attualmente in corso per scoprire come le cellule staminali possono influenzare l’udito. Se la ricerca si rivelerà positiva, si spera che possano essere condotte prove sulla categoria disabile per esplorare ulteriormente questo possibile nuovo trattamento.

Come funziona l’udito

L’orecchio interno ha essenzialmente due parti fondamentali: l’area uditiva coinvolta nell’udito e un sistema vestibolare coinvolto nell’equilibrio. All’interno dell’orecchio ci sono cellule ciliate critiche, le quali hanno strutture vitali che rilevano e rispondono al suono, trasmettendo segnali nervosi al cervello. Molte cose possono distruggere le cellule ciliate, come droghe, eccessiva esposizione a rumori forti, invecchiamento o infezioni.

Ricerca sulle cellule staminali

L’identificazione delle cellule staminali dall’orecchio interno dei topi è un evento relativamente nuovo. Come tutte le cellule staminali, queste cellule dell’orecchio interno hanno la capacità di auto-rinnovarsi e dividersi. È stato scoperto che in condizioni appropriate, queste cellule possono svilupparsi in cellule che sono simili a quelle ciliate; passo iniziale e importante verso il trattamento della perdita dell’udito negli esseri umani.

Uno studio in particolare è stato in grado di innescare le cellule staminali embrionali del topo per svilupparsi in speciali cellule precursori nell’orecchio. Queste cellule possono quindi differenziarsi da quelle ciliate all’interno dell’orecchio. Vi sono però ancora numerose preoccupazioni etiche riguardo all’uso di cellule staminali embrionali, ma il vantaggio è che un gran numero di cellule ciliate può essere generato da cellule staminali embrionali.

le sfide della ricerca scientifica

Esiste tuttavia una grande quantità di ricerche che devono essere affrontate. La capacità di attivare con successo le cellule staminali per svilupparsi in cellule simili a quelle ciliari è ancora debole. I ricercatori hanno bisogno di trovare modi per attirare con cura ed efficacia le cellule a differenziarsi in quelle necessarie, senza permettere alla cellula di morire o crescere in modo incontrollabile. In termini pratici, lo sviluppo di tecniche chirurgiche per trapiantare correttamente le cellule staminali nell’orecchio interno richiede ancora un perfezionamento

In ultima analisi, le cellule staminali funzionano diversamente dai trattamenti attuali per la perdita dell’udito perché operano per ripristinare la struttura e la funzione uditiva al suo stato naturale. Ciò contrasta nettamente con il trattamento farmacologico o con dispositivi impiantati manualmente per migliorare l’udito o rallentarne la perdita totale.

Poiché gli esseri umani comunicano attraverso il linguaggio parlato, la perdita dell’udito può compromettere la salute mentale sviluppando la depressione, oltre a lasciare una persona socialmente isolata. Pertanto, la ricerca sulle cellule staminali e la perdita dell’udito è un’area vitale che deve essere sostenuta e sviluppata. Fortunatamente, molti ricercatori si sono impegnati a lavorare in questo campo e sono in corso progressi, il che è una buona notizia per coloro che soffrono di perdita dell’udito.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *