Scoperta (forse) la causa dei sintomi post-infezione da Covid19

coronavirus

Coronavirus COVID-19

Secondo l’Università della California, i sintomi a lungo termine che le persone possono provare dopo essere guarite dal Covid19  includono affaticamento, tosse, mancanza di respiro e cervello offuscato. Una recente ricerca ha esaminato gli organi di persone morte per COVID-19 e ha scoperto che i gravi danni ai polmoni possono spiegare i sintomi che alcuni sopravvissuti al virus sperimentano a volte per mesi.

Charles Bailey, direttore medico per la prevenzione delle infezioni al St. Joseph Hospital e al Mission Hospital di Orange County, in California, ha dichiarato: “Il COVID-19 sembra avere un impatto sui polmoni allo stesso modo di altri patogeni virali respiratori infiammando i tessuti, ispessendoli o innescando l’accumulo di liquido all’interno delle sacche d’aria. Entrambi questi cambiamenti possono compromettere la normale funzione dei polmoni”.

Condotto da ricercatori dell’Università di Trieste e del King’s College di Londra, lo studio ha esaminato i polmoni di 41 persone morte per COVID-19 tra febbraio e aprile. I ricercatori hanno scoperto che tutti mostravano danni polmonari estesi, mentre 36 di questi presentava anche una massiccia coagulazione del sangue anormale nelle arterie e nelle vene polmonari.

Mauro Giacca, professore di scienze cardiovascolari al King’s College di Londra, ha spiegato che il COVID-19 è una “malattia unica” in termini di sintomi, e che ha condotto questa ricerca perché “era importante capire se il virus era realmente presente in questi organi”. Lui e il suo team ha scoperto che il danno polmonare persistente ed esteso era la principale causa, cosa che potrebbe aiutare i medici a capire meglio cosa causa i sintomi a lungo termine post-infezione.

L’età media dei partecipanti allo studio di sesso maschile era di 77 anni, mentre di sesso femminile era di 84 anni. Avevano anche una malattia sottostante, che comprendeva ipertensione, malattie cardiache croniche, diabete e cancro. “Ricordo che quando il patologo ha guardato per la prima volta i campioni”, ha affermato Giacca, “ha subito commentato di non aver mai visto patologie così estese”.

Tra i risultati sorprendenti c’era la quantità di coaguli di sangue nei polmoni e segni della presenza del virus anche dopo 30 / 40 giorni dopo l’infezione iniziale. “Sospettiamo che la presenza di cellule anormali con diversi nuclei potrebbero svolgere un ruolo nella gravità della malattia”, ha affermato Giacca, “ma non abbiamo trovato segni palesi di infezione virale in altri organi”.

Queste cellule sono il prodotto dell’attività di una proteina sul SARS-CoV-2, a volte chiamata proteina spike, che fa sì che le cellule si uniscano. “Un danno così esteso e causato da virus nei polmoni potrebbe non consentire la rigenerazione polmonare”, ha concluso Giacca, “e questo potrebbe spiegare i problemi respiratori osservati nelle persone che sono guarite da qualche mese dal COVID-19”.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi