Ragazzo autistico in un ristorante: la candid camera che commuove il mondo

In questi giorni nei social network sta girando una candid camera americana davvero molto particolare. Una candid che in realtà rappresenta un’esperienza di vita quotidiana che tante famiglie con ragazzi o bambini autistici riconosceranno senz’altro come propria. Forse però è nel finale, che questa candid dà davvero il meglio di sé.

Una telecamera inserita nel ristorante scelto per la candid riprende il comportamento dei commensali dinanzi alle azioni di un ragazzino un po’ particolare. Il giovane, a pranzo con la famiglia, ad un certo punto si alza dal tavolo e ruba dal piatto di un signore una patatina fritta. Lo fa una volta, poi un’altra ancora. L’uomo a quel punto si arrabbia e chiede alla propria vicina di tavolo come mai il ragazzo si comporti in quel modo. “Credo abbia un problema, tipo Asperger”, risponde lei.

Di fronte al ripetersi dei comportamenti poco convenzionali del ragazzo, l’uomo perde la pazienza: a quel punto la mamma del ragazzo, mortificata per l’accaduto, decide di alzarsi e di togliere il disturbo. Ed è a quel punto che la reazione degli altri clienti del locale lascia tutti senza parole: prima un ragazzo, poi una donna e poi un’altra ragazza si alzano dai rispettivi tavoli e convincono la mamma e il ragazzino a rimanere nel locale.

Secondo i commensali, in sostanza, non è la famiglia del ragazzo autistico a doversene andare ma l’uomo che si è comportato in quel modo. A quel punto quindi l’uomo se ne va per davvero, tra gli applausi dei commensali che in questo modo esprimono solidarietà alla famiglia.

La reazione dei commensali in questa candid camera dimostra che c’è ancora una fetta di opinione pubblica sensibile al tema, consapevole che l’autismo esiste e convinta al tempo stesso che valga la pena accettare qualche comportamento “fuori regola” da parte di chi è affetto da questa condizione pur di guardare a un principio più alto: l’integrazione. QUI IL VIDEO.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *