Sviluppare la tecnologia per e con le persone con disabilità

ATHack

ATHack | Foto MIT Assistive Technology Club

Lora Brugnaro, affetta da paralisi celebrale che le crea molti problemi di equilibrio, per anni ha utilizzato un deambulatore che la aiutasse a stare in posizione eretta mentre si muoveva. Sfortunatamente, ha scoperto che quelli disponibili sul mercato sono economici, instabili e inclini a ribaltarsi sulle superfici ruvide, scaraventandola alcune volte a terra. Aveva persino iniziato a prendere in considerazione l’idea di usare una sedia a rotelle per evitare situazioni del genere.

La Brugnaro è stata uno dei co-designer all’Assistive Technologies Hackathon, o ATHack. L’evento riunisce gruppi di studenti, molti dei quali studiano al MIT, con altre persone disabili provenienti da Boston e Cambridge. Il team di Lora ha lavorato costantemente per creare un deambulatore più stabile. Un membro del team, Zoe Levitt, l’ha accompagnata da casa al lavoro e viceversa per osservare le sfide da lei affrontate e condividerle tramite un video con il resto del team come feedback.

L’ATHack è stata fondata nel 2014 dagli studenti del MIT Jaya Narain, Ishwarya Ananthabhotla e Abigail Klein con l’obiettivo di riunire membri della comunità che vivono con disabilità e studenti di designer. “Volevamo creare un modo con cui molte persone al MIT potevano esporsi alla tecnologia assistiva attraverso il modello di co-design”, ha dichiarato Narain.

A differenza di gran parte della ricerca e dello sviluppo che si svolge al MIT, le soluzioni create dai progettisti ATHack sono spesso molto semplici. Per Ananthabhotla, quella semplicità è un segno di successo: “A differenza della maggior parte degli hacker, questo evento non riguarda davvero la creazione della migliore tecnologia cool. Si tratta di costruire una relazione con un membro della comunità e mettere in moto le competenze progettuali necessarie per identificare un bisogno, comprendere un contesto e ideare iterativamente”.

Alex Rosenberg, un altro co-designer di ATHack, usa una sedia a rotelle, ha una forza ad un braccio limitata e l’incapacità di usare le dita. “Essendo diventato disabile da poco, la cosa più difficile è trovare il tempo per risolvere i problemi della vita di tutti i giorni”, ha affemato Rosenberg. “Gli ospedali, i terapisti, i familiari e gli amici si occupano delle cose più importanti, ma prendere in mano una coppa o lanciare una palla ai propri figli viene considerato da tutti gli altri non abbastanza importante per giustificare il tempo prezioso speso a capire come semplificare queste limitazioni. L’Hackathon è così prezioso perché lascia lo spazio necessario per farlo”.

Il team Alex ha creato un sistema per lanciare e prendere una palla in modo da consentirgli di giocare con i suoi due figli. Il team è arrivato secondo nella categoria di collaborazione tra co-designer, ma soprattutto Alex è già in grado di utilizzare la tecnologia.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi