Repubblica Ceca, morti otto disabili in un edificio adibito a casa di ricovero

Incendio in Repubblica Ceca

Incendio in Repubblica Ceca | Getty Images

In un edificio, adibito a casa di ricovero per persone disabili, è scoppiato un incendio che ha ucciso otto persone. Si è originato all’interno di una stanza. La persona all’interno, anch’essa disabile, è deceduta. Questo grave episodio di cronaca è accaduto in Repubblica Ceca, esattamente nella parte occidentale della città di Vejptry, al confine con la Germania. I feriti sono trenta.

L’incendio è stato domato dai vigili del fuoco cechi, aiutati dai soccorritori tedeschi. Come detto sopra, le autorità locali hanno appurato che l’incendio si è sviluppato in una stanza e si è diffuso ad altre due. La causa della sua origine non è ancora chiara.

Delle persone ferite, tre sono ancora ricoverate in ospedali, di cui due in gravi condizioni. Jitka Gavdunova, sindaco della città, ha dichiarato: “Per la nostra comunità è una grave tragedia. I degenti che occupavano gli appartamenti della casa né facevano parte”.

L’edificio ospitava 35 persone, principalmente uomini con disabilità mentali, e si trova a circa 100 km a nord-ovest della capitale Praga. Il portavoce dei servizi d’emergenza ha dichiarato che il primo focolaio d’incendio si è verificato poco prima delle cinque del mattino.

I pompieri sono arrivati sul posto in meno di 10 minuti; l’incendio è stato spento dopo circa due ore. Gli otto residenti sono deceduti per inalazione di fumo. Il maltempo ha inoltre ostacolato le operazioni per trasportare i feriti in elicottero. Il sito è vicino al confine tra la Repubblica Ceca e la Germania; due squadre mediche tedesche hanno assistito all’operazione.

Il sindaco ha affermato che le protezioni antincendio nell’edificio erano al di sopra degli standard legali e che i rilevatori di fumo sono stati installati anche se non richiesti dalla legge. Però nessun rivelatore era presente nell’area dove è iniziato l’incendio. Gavdunova ha aggiunto che, in passato, alcuni residenti avevano tentato, senza successo, di dare l’edifico alle fiamme e che la struttura è a corto di personale.

I sopravvissuti sono stati trasferiti in case temporanee all’interno della città; le autorità locali stanno organizzando finanziamenti di emergenza per loro.

Jana Malacova, ministro del Lavoro e degli Affari Sociali, ha promesso l’assistenza del governo per la ricostruzione della struttura. Si è anche impegnata a modificare la legge ceca sugli standard del personale per l’assistenza ai disabili. “Vogliamo che ci siano un massimo di 13 clienti per badante, in modo che potrà essere di grande aiuto in situazioni così critiche”, ha dichiarato ai giornalisti locali.

Questo è stato il secondo incendio più mortale nella Repubblica Ceca dal 1990. Nel 2010, nove senzatetto morirono nell’incendio di un edificio ferroviario nella capitale Praga.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi