European Disability Card: agevolazioni per i disabili valide in tutta Europa

european disability card

Essere cittadini europei significa prima di tutto essere parte di una comunità nella quale ci si può sentire a casa anche quando si superano i confini nazionali. Capita però che le persone disabili non sempre riescono a veder garantito questo diritto, e che per vivere in pace sia dentro che fuori il proprio Paese si ritrovino costrette a dover combattere con un mare di peripezie. Per fare un esempio, capita di frequente che i disabili non possano accedere ai servizi agevolati o che non possano vedersi riconosciuti determinate agevolazioni perché non sono in grado di dimostrare la loro disabilità o, quanto meno, perché non sono nelle condizioni di dimostrare che hanno diritto a quella specifica agevolazione.

Per capire i termini della questione ci basti pensare alle multe che molti italiani hanno preso all’estero per aver parcheggiato il loro mezzo negli spazi riservati ai portatori di handicap. Questi nostri turisti magari avevano un contrassegno esposto nella loro auto, ma dal momento in cui il pass disabili italiano non era valido in altri paesi europei, ecco che agli occhi dei vigli d’oltre frontiera c’era la sussistenza di un illecito. Questa faccenda come sappiamo è stata superata con l’introduzione del contrassegno disabili europeo e quindi almeno per quanto riguarda i parcheggi, i disabili possono ora starsene un po’ più tranquilli.

Ecco, la stessa cosa la si vuol fare anche su un altro fronte. Con la nuova European Disability Card – presentata nei giorni scorsi dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali – arriverà presto una tessera che permetterà ai disabili di accedere gratuitamente o a costo ridotto a determinati servizi che possono riguardare trasporti, cultura e tempo libero, e di poterlo fare tanto nei confini nazionali quanto in quelli europei. Con la European Disability Card, i portatori di handicap potranno avvalersi di queste agevolazioni in otto paesi dell’Unione Europea che hanno deciso di prendere parte al progetto.

“Riteniamo che lavorare con altri Paesi Ue che hanno voluto partecipare all’iniziativa sia un elemento di orgoglio per l’Italia”, ha commentato Vincenzo Falabella, presidente della Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap. Anche Roberto Romeo, presidente di Federazione Associazioni Nazionali Disabili, ha accolto positivamente questo progetto che ritiene possa dare alle persone disabili “le medesime possibilità di tutti gli altri cittadini in ogni aspetto della vita, inclusi l’accesso ai trasporti, alla cultura e al tempo libero, in un’ottica di piena inclusione e partecipazione”.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *