Microcomputer e materiali leggeri aprono ad una nuova era nella tecnologia assistiva

tecnologia

Nel 1964, l’ingegnere Pat Johnson costruì una rampa per la porta e un paranco elettrico per sua sorella disabile. Sono stati i primi progetti di quello che alla fine è diventato Remap, un’organizzazione benefica che fornisce ai disabili attrezzature su misura per consentire loro di vivere in modo più indipendente.

La tecnologia di assistenza diffusa oggi non era disponibile in commercio a quel tempo, quindi i primi progetti si sono concentrati su bisogni essenziali. Gli strumenti e i materiali disponibili per gli ingegneri erano anche più rudimentali, limitando le possibilità di dispositivi più personalizzati e quindi confortevoli ed efficaci.

Solo pochi anni fa, le persone senza l’uso delle mani affrontavano una dura lotta per controllare gli oggetti di uso quotidiano. Ora, hanno una maggiore indipendenza di poter fare le cose da sole.

Sensibilità del sensore

Il cambiamento è stato attivato in alcuni progetti dagli interruttori “sip-and-puff”, sensori attivati ​​dal respiro che sono diventati molto più disponibili negli ultimi anni. Questa nuova disponibilità fa parte di una tendenza più ampia, con tecnologie precedentemente fuori portata che diventano accessibili a ingegneri volontari e imprenditori biomedici.

Computer in miniatura come il Raspberry Pi, rilasciato per la prima volta nel 2012, possono raccogliere dati dai sensori e automatizzare i movimenti dei dispositivi meccanici. I materiali leggeri come la fibra di carbonio stanno diventando sempre più diffusi e la stampa 3D si sta finalmente facendo strada in case, officine e strutture pubbliche, offrendo una miriade di nuove possibilità.

Un deambulatore, costruito di recente da un volontario Remap per un uomo il cui braccio destro è stato amputato sotto il gomito, ha evidenziato dei progressi.

Gli ingegneri volontari possono anche andare oltre le esigenze essenziali come il movimento indipendente, la costruzione di dispositivi su misura per aiutare le persone a divertirsi con hobby vari e tempo libero, come una stecca da biliardo stampata o un mouse controllato dallo sguardo. Tutto questo non era possibile qualche anno fa.

Supporto dinamico

Gli ingegneri volontari non sono i soli a godere di nuove libertà grazie alla tecnologia accessibile. Sheana Yu è il creatore di Aergo, un “sistema di supporto posturale” che si attacca alle sedie a rotelle e ad altri posti. Il dispositivo si adatta automaticamente alle posizioni mutevoli dei giovani utenti utilizzando controlli digitali e cuscini autoregolanti con celle d’aria sensibili alla pressione, fornendo supporto dinamico e posture sane.

Poi ci sono i microcontrollori “Arduino”, che consentono modifiche rapide e semplici al codice, aiutando Yu a convalidare il suo dispositivo con gli utenti. La miniaturizzazione è la chiave per la realizzazione di Aergo, così come l’alleggerimento di parti convenzionalmente pesanti come batterie e pompe. Gli utenti devono spesso spingere sé stessi, usando le braccia per una sedia a rotelle, l’Aergo e il proprio peso corporeo. Nuovi componenti più leggeri lo hanno reso possibile.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi