La manica con elettrodi che offre nuove speranze ai pazienti con paralisi

Chad Bouton

Chad Bouton

Una tecnologia all’avanguardia potrebbe dare nuove speranze a milioni di persone che vivono con la paralisi. I ricercatori del Feinstein Institutes for Medical Research (USA) hanno sviluppato con successo una manica con elettrodi leggera e indossabile, la quale regola e innesca il movimento delle dita dei quadriplegici.

Il ricercatore capo, Chad Bouton, ha affermato: “Il team è riuscito a sviluppare questa manica dopo aver stabilito che c’era attività cerebrale nelle aree motorie anni dopo gravi lesioni. Infine, abbiamo capito che esisteva un modo per stimolare il braccio e isolare i movimenti delle singole dita. Ciò rappresenta un problema molto difficile nel mondo della riabilitazione delle persone affette da paralisi post ictus o lesione del midollo spinale. La mano è una delle aree del corpo più difficili da riabilitare a causa dell’eccellente movimento e di tutti gli altri tipi di movimenti che le dita della mano riescono a fare”.

Il modo unico mediante il quale il team di Bouton ha imparato a stimolare i muscoli ha portato allo sviluppo di una manica indossabile che i pazienti possono usare ogni giorno. La manica consente un raffinato movimento motorio e tutte le azioni sono completate dalla volontà propria dei partecipanti. Ciò significa che la manica riprende il tentativo del muscolo di muoversi e quindi stimola il movimento e l’attività.

Casey Ellin, 32 anni, è diventato uno dei primi pazienti a testare la manica. “Sono andato nello studio senza aspettative”, ha dichiarato. “All’inizio, quando l’ho provata, mi sentivo come se fossi in una sorta di film di fantascienza. Ho pensato che ciò che questi ricercatori stanno facendo potrebbe avvantaggiare così tante persone in futuro”.

Ellin ha subito una lesione del midollo spinale cervicale nel giugno 2013 mentre si tuffava nell’oceano. I medici gli hanno diagnosticato una lesione del midollo spinale C5, il che significava che aveva notevoli limitazioni motorie e sensoriali. “Casey è stato in grado di indossare la manica e usarla per raccogliere cose, come una barretta di cereali, e poi nutrirsi da solo. Questi tipi di risultati sono molto, molto importanti”, ha dichiarato Bouton.

Ellin ha affermato di ritenere che questo tipo di invenzione abbia il potenziale per aprire molte porte alla comunità dei disabili. “Essere in grado di utilizzare le proprie mani, anche a capacità limitata, cambia molte prospettive”, ha affermato. “Studi come questo mi danno molte speranze per il futuro, e penso che questa sia solo la punta dell’iceberg”.

Bouton ha fatto eco all’ottimismo di Ellin per il futuro dei pazienti con paralisi. “Una forma indossabile di questo tipo può essere indossata non solo sull’arto superiore, ma anche su quello inferiore”, ha dichiarato. “Per questo stiamo lavorando con la gente per esplorarlo meglio, e speriamo in futuro di aiutare potenzialmente le persone a riguadagnare il movimento delle gambe e forse un giorno anche a camminare”.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi