Da Neatebox una soluzione per aiutare i clienti disabili durante il lockdown

Welcome Neatebox

Welcome Neatebox

Neatebox, società tecnologica scozzese, offre ai supermercati di tutto il Regno Unito l’accesso a nuove tecnologie innovative che possono aiutare milioni di persone ad affrontare questo periodo di lock down.

Le regole di allontanamento sociale, le code, i cambiamenti degli orari di apertura e gli orari protetti per i lavoratori sono solo alcune delle nuove regole utilizzate dai supermercati in tutto il Paese per proteggere sia il personale che i clienti dal COVID-19. Tuttavia, alle persone con disabilità le nuove normative possono creare molta ansia, causare confusione e, in alcuni casi, costituire un ostacolo significativo al semplice acquisto dei beni essenziali.

Gavin Neate, fondatore di Neatebox, ha dichiarato: “I supermercati hanno dovuto adattarsi rapidamente a una situazione in evoluzione, creando modi innovativi per ridurre al minimo il rischio di diffusione virale. Tuttavia, tante persone non riescono a seguire le nuove regole senza ulteriore supporto. Per le persone autistiche, queste regole significano maggiore ansia. Per i non vedenti, mettersi alla fine della coda per entrare nel negozio è estremamente difficile. Senza aiuto, è impossibile mantenere la distanza di 2 metri e quando andare avanti, mentre il distanziamento sociale dipende dalla consapevolezza di altre persone”.

“I supermercati hanno dovuto adattarsi rapidamente, quindi non ci sono segnalazioni tattili o personale addestrato in grado di assistere efficacemente i clienti che richiedono quel livello di supporto aggiuntivo. La nostra tecnologia, denominata “Welcome”, è progettata per affrontare l’inadeguatezza dell’assistenza clienti avvisando in anticipo una sede della visita di una persona, delineandone i requisiti specifici e, soprattutto, fornendo al personale una panoramica delle condizioni del cliente e una chiara guida su come interagire con esso”.

L’app, completamente gratuita per le persone disabili, consente loro di comunicare in anticipo alla sede la loro visita imminente e indicare qualsiasi assistenza specifica di cui potrebbero aver bisogno. Il negozio viene quindi informato della visita e riceve una panoramica delle condizioni del cliente.

Fondamentalmente, questo include la guida da parte dell’ente benefico appropriato per aiutare tutte le interazioni con il cliente, compresi i consigli da seguire. L’obiettivo è facilitare una migliore comunicazione tra clienti e personale per creare relazioni durature e reciprocamente rispettose.

“Il 75% delle persone con disabilità ha lasciato un negozio o abbandonato un’attività a causa della scarsa consapevolezza o comprensione della condizione”, ha continuato Gavin. “Al momento, le sfide per 13 milioni di disabili che vivono nel Regno Unito sono ancora maggiori. Riconosciamo l’importanza di un’azione immediata e siamo in grado di fornire una versione di prova del sistema gratuitamente per aiutare a gestire gli effetti dirompenti del COVID-19”.

“Welcome” è già utilizzato in una varietà di luoghi in tutto il Regno Unito, che vanno da banche e uffici a gallerie e hotel, ed è ora disponibile in prova gratuita per tutti i supermercati del Paese.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi