Coronavirus, Trump: “Garantire assistenza ai diversamente abili”

coronavirus

Coronavirus COVID-19

Contrariamente a quanto si era letto qualche settimana fa, l’amministrazione Trump ha avvisato gli Stati dell’Unione e gli operatori sanitari di non discriminare le persone con disabilità, soprattutto in questo momento in cui l’epidemia di Coronavirus COVID-19 si sta diffondendo in tutti gli Stati Uniti.

Nel bollettino, pubblicato sabato scorso, il Department of Health and Human Services’ Office for Civil Rights degli Stati Uniti ha dichiarato che resterà in vigore l’Americans with Disabilities Act, la Sezione 504 del Rehabilitation Act e le altre leggi che vietano la discriminazione nei programmi sanitari finanziati con fondi federali.

Nel bollettino si legge questo: “In quanto tale, alle persone con disabilità non dovrebbe essere negata l’assistenza medica sulla base di stereotipi, sulla valutazione della qualità della vita o su giudizi sul valore relativo di una persona in base alla presenza o all’assenza di disabilità. Le decisioni delle entità interessate in merito al fatto che un individuo sia candidato per il trattamento dovrebbero basarsi su una valutazione individualizzata del paziente basata sulla migliore evidenza medica obiettiva disponibile”.

Il documento di orientamento, che è composto da sei pagine, è stato redatto dopo che sono emerse comprensibili preoccupazioni su cosa accadrà alle persone disabili una volta che gli ospedali verranno sopraffatti dai pazienti affetti da coronavirus e se continueranno a ricevere l’assistenza garantita dall’Americans with Disabilities Act.

La scorsa settimana, alcune associazioni che sostengo le persone con disabilità hanno presentato denunce all’HHS Office for Civil Rights in merito ai piani di risposta al coronavirus nello stato di Washington, Alabama, Kansas e Tennessee, sostenendo che avrebbero messo a rischio le persone con disabilità. Un gruppo di 27 membri della Camera dei Rappresentanti e cinque senatori hanno scritto ad Alex Azar, Segretario alla Salute e ai Servizi umani, e al procuratore generale William Barr esortandoli a chiarire che “le leggi esistenti sulla non discriminazione non possono essere revocate durante l’epidemia”.

L’ufficio per i diritti civili ha affermato che le leggi e i regolamenti esistenti vietano la discriminazione basata su razza, colore, origine nazionale, disabilità, età e sesso, nonché l’esercizio di coscienza e religione, ma nell’attuale pandemia l’ufficio è “particolarmente concentrato” nel garantire che le persone con disabilità non siano discriminate.

“Le nostre leggi sui diritti civili proteggono l’eguale dignità di ogni vita umana dall’utilitarismo spietato”, ha dichiarato Roger Severino, direttore dell’HHS Office for Civil Rights. “Le persone con disabilità e quelle anziane non dovrebbero essere messe in coda alla fila dall’assistenza sanitaria durante le emergenze”.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi