Corea del Nord, disabili minacciati dalle sanzioni internazionali

Corea del Nord

Corea del Nord

Alcuni gruppi di aiuti umanitari che forniscono supporto medico, educativo e materiale a persone con disabilità fisiche, sensoriali e di altro tipo sostengono che le sanzioni delle Nazioni Unite, così come la campagna di “massima pressione” dell’amministrazione Trump imposta a Pyongyang per i suoi test sui missili nucleari e balistici, stanno limitando la capacità delle persone disabili a svolgere lavori in Corea del Nord.

A causa delle restrizioni, alcune organizzazioni non governative (ONG) stanno abbandonando del tutto i loro programmi. Molteplici fonti coinvolte nel lavoro di aiuto affermano che Humanity & Inclusion (HI) sta cessando le sue operazioni in Corea del Nord. L’organizzazione francese/belga, nota anche come Handicap International, è attiva nel paese dal 2001 e lavora in collaborazione con la Federazione Statale Coreana per la protezione dei disabili.

L’opacità della Corea del Nord e la riluttanza di molte ONG a discutere pubblicamente del loro lavoro rende difficile agli osservatori esterni ottenere un quadro completo della situazione. Nazanin Zadeh-Cummings, che tiene lezioni di studi umanitari alla Deakin University di Melbourne (Australia), afferma che “l’impatto dannoso delle sanzioni è principalmente responsabilità della organizzazioni internazionali, come HI, che hanno abbandonato la Corea del Nord”.

Zadeh-Cummings spiega anche che, mentre l’attività umanitaria in Corea del Nord è consentita, il lungo processo di richiesta di esenzioni dagli Stati membri e dal Comitato delle Nazioni Unite, nonché i blocchi sulle transazioni finanziarie, portano all’erosione dei partenariati che queste organizzazioni hanno costruito con Pyongyang nel corso degli anni. “È davvero una tragedia”, afferma. “A causa di ritardi, incertezza e difficoltà nell’ottenere esenzioni dalle sanzioni, quei decenni di fiducia e relazioni stanno sparendo”.

Tra le agenzie di soccorso che hanno ritirato o sospeso il lavoro in Corea del Nord ci sono la Finlandia Fida International, che ha chiuso il suo programma di sicurezza alimentare all’inizio di quest’anno, e l’organizzazione benefica britannica Save the Children, che ha lasciato il paese nel 2017. Entrambe le organizzazioni affermano che la pressione esercitata dalle sanzioni ha portato a queste dolorose decisioni.

Zadeh-Cummings osserva che la chiusura dei programmi a beneficio dei disabili potrebbe essere un’occasione persa. Dice che, nonostante la reputazione della Corea del Nord come uno dei peggiori violatori dei diritti umani al mondo, il regime “mostra la volontà di impegnarsi” con la comunità internazionale sulla creazione di tali iniziative, che sono passate da “inesistenti ad uno spazio di collaborazione con i gruppi di aiuto negli ultimi anni”. “Le persone che ricevono questo aiuto sono i veri sconfitti dalle sanzioni internazionali”, aggiunge Zadeh-Cummings.

Le sanzioni complicano ulteriormente la capacità di molte ONG di fornire supporto ai disabili della Corea del Nord a causa di un divieto di “duplice uso” di oggetti metallici, spinto dalle preoccupazioni che potrebbero finire nelle mani dell’esercito del paese. A sua volta, questa misura potrebbe impedire l’arrivo di molte forniture mediche e apparecchiature adattive in Corea del Nord, a meno che non ottengano una licenza di importazione e una rinuncia, cosa che potrebbero richiedere molti mesi o anni.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi