Matteo Dall’Osso, deputato disabile esce dal M5S in protesta col governo

matteo dall'osso

Matteo Dall’Osso, deputato del Parlamento italiano affetto da sclerosi multipla, si è dimesso dal Movimento Cinque Stelle perché il partito populista aveva disatteso le promesse fatte ai disabili. Al deputato è stata comminata una multa di € 100.000.

“Il Movimento Cinque stelle mi ha trattato nello stesso modo in cui vengono trattati i disabili: solo tante chiacchiere, ma nessuna azione concreta”, ha dichiarato Matteo Dall’Osso, il primo a lasciare il M5S da quando lo stesso è salito al potere grazie alla coalizione con la Lega guidata da Matteo Salvini. “Durante la campagna elettorale, sia il M5S che la Lega avevano dichiarato che avrebbero investito più denaro per i disabili, i quali li hanno votati in massa credendo a ciò che avevano promesso”.

Il colpo di grazia per Dall’Osso è stato il rifiuto, da parte del governo italiano, di aumentare i finanziamenti per le persone con disabilità, che ricevono un’indennità di base di circa € 280 al mese.

L’emendamento nel piano di bilancio proposto dal governo italiano e respinto dalla Commissione europea avrebbe aumentato l’indennità a €500. ”Incredibilmente, contro ogni previsione, i miei colleghi del Movimento hanno respinto la mia proposta”, ha accusato Dall’Osso. “Mi sono sentito deluso, affranto e tradito. Quindi, ho capito che era ora di lasciarli”.

A quel punto Dall’Osso, che ha scoperto di soffrire di sclerosi multipla da adolescente, aveva due opzioni: incendiarsi in Piazza Montecitorio a Roma, davanti al parlamento italiano, oppure andare alla festa più odiata dal Movimento Cinque stelle, quella del partito di Forza Italia guidato da Silvio Berlusconi. Alla fine, ha scelto la seconda, per attirare l’attenzione dei Pentastellati e fargli capire che avevano torto.

La decisione del deputato disabile è stata criticata da molti sostenitori del Movimento; per questo motivo, il partito lo ha multato di 100.000 euro per essersi dimesso, in conformità col contratto interno tra il Movimento ed i suoi candidati. “Siamo scioccati per la scelta fatta da Dall’Osso”, ha dichiarato Di Maio, leader del Movimento. “Forza Italia è la cosa più lontana da noi”. Lo stesso Di Maio ha poi affermato che avrebbe riconsiderato la proposta fatta dal deputato, ossia quella di aumentare l’indennità per i disabili fino a 780 euro al mese.

“Se Di Maio manterrà ciò che ha detto, sarò felice”, ha dichiarato Dall’Osso “ma non mi farà tornare ugualmente indietro. Ovviamente è stata una battaglia che ho sentito come mia. Avevo scelto il Movimento Cinque Stelle perché volevano sostenere la mia battaglia per migliorare le condizioni di vita dei disabili. L’aver respinto la mia proposta è la chiara dimostrazione di come non siano riusciti a mantenere le promesse”.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi