Com’è la vita delle persone disabili in Bielorussia?

Bielorussia

Parlare di fatti e argomenti che riguardano le persone disabili che abitano in altri Paesi non è inutile, anzi è esattamente il contrario. La loro storia personale, così come la società in cui vivono, possono fornire un quadro più chiaro della situazione attuale in Italia e che coinvolge la comunità disabile.

In Bielorussia, esattamente nella città di Minsk, Vasily Pavlikov lavora presso il Minsk’s Renaissance Hotel da più di un anno. Olga Dukhovich, responsabile delle pubbliche relazioni dell’hotel, parla così di questo giovane disabile affetto da trisomia 21, nota anche come Sindrome di Down: “È un ragazzo ordinato, responsabile, educato con i suoi colleghi e molto puntuale”. Tra le sue mansioni c’è la lucidatura delle posate del ristorante. Di recente, gli è stato proposto un lavoro di assistenza ai giovani disabili da un’associazione. I dipendenti dell’hotel hanno ricevuto una formazione su come interagire con il loro collega. Attualmente, Pavlikov è l’unico dipendente con disabilità.

Dalla sua apertura nel 2014, i proprietari dell’hotel hanno subito pensato di creare posti di lavoro per le persone con la sindrome di Down. “Vogliamo dimostrare alle altre aziende bielorusse che non è impossibile offrire un posto di lavoro alle persone disabili”, ha affermato Olga Dukhovich. “Il nostro obiettivo è di incoraggiarle a seguire il nostro esempio”.

Nell’ex Unione Sovietica, le persone disabili venivano emarginate e discriminate. Purtroppo, ancora oggi negli Stati che gli appartenevano continuano questi atteggiamenti negativi nei confronti di queste persone, rendendo loro difficoltosa l’integrazione nella società.

Uno di questi casi riguarda Ekaterina Kucharenko, ventottenne logopedista e psicologa esperta ma che ha problemi di mobilità. “Nonostante ho tutti i requisiti necessari per lavorare, nessuno è stato disposto ad assumermi”, ha dichiarato.

Secondo il suo parere, la società bielorussa non è pronta ad accettare le persone disabili. “Tantissime persone hanno immagine distorta dei disabili”, ha affermato. “In questo modo, possono sopprimere facilmente l’idea che noi esistiamo”.

Dopo due anni vani alla ricerca di un lavoro consono alla sua professione, è riuscita a trovare un impiego all’interno di un calla center grazie ad un programma di lavoro per persone con disabilità. Scaduto il contratto di un anno, Ekaterina ha deciso di cercarne uno come consulente delle risorse umane.

Dopo le elezioni, previste a novembre 2019, il parlamento voterà una legge che mira a rendere migliore la vita dei cittadini disabili bielorussi migliore. Il progetto di legge si basa sulla Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità, che la Bielorussia ha ratificato nel 2016.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi