Tre cose da sapere sul coronavirus e le persone con disabilità

coronavirus

Coronavirus COVID-19

L’epidemia di coronavirus COVID-19 sta spaventato tutte le persone nel mondo. Ma c’è un gruppo particolare di esse che è costretto ad affrontare ulteriori rischi e conseguenze, nonché ansie: persone con disabilità e/o malattie croniche. Ecco tre punti da tenere a mente su come essa colpisce queste persone.

Le persone più spesso citate come a rischio grave sono, in gran parte, quelle disabili

Molte persone disabili hanno disabilità specifiche o condizioni croniche che rendono la malattia più pericolosa per loro.

Sfortunatamente, qualsiasi ansia naturale che queste persone potrebbero avere circa l’epidemia di COVID-19 è probabilmente peggiorata ogni volta che notizie e dichiarazioni ufficiali fanno di tutto per rassicurare dicendo che “solo” le persone anziane e i malati cronici sono a grave rischio. È terribile sentire le persone rassicurarsi a vicenda che il coronavirus non è così spaventoso perché farà principalmente male e ucciderà le persone “ad alto rischio”.

Allo stesso tempo, la connessione tra persone con condizioni mediche e disabilità preesistenti potrebbe diventare sfocata e le persone disabili e/o malate croniche potrebbero essere ingiustamente stigmatizzate. Le persone di origine asiatica hanno già subito discriminazioni a causa del pregiudizio di fondo e delle vaghe associazioni tra COVID-19 e la Cina. Tutti dovrebbero stare in guardia da qualsiasi impulso basato sulla paura di ostracizzare o confinare le persone che hanno, ad esempio, tosse cronica o difficoltà respiratorie, condizioni normali per loro e non prove di esposizione al COVID-19.

A causa di tutti questi e altri fattori, le persone con disabilità possono avere un livello più elevato di ansia per il coronavirus. E l’ansia comporta rischi maggiori.

Può essere più difficile per le persone disabili adottare misure prudenti per proteggersi dall’epidemia di coronavirus

I consigli degli esperti sulla presenza di un focolaio hanno un senso logico e dovrebbero essere seguiti il ​​più possibile. Ma molte esperienze passate dei disabili e malati cronici con la burocrazia medica e l’ottenimento di un’assistenza flessibile e reattiva creano scetticismo sul fatto che saranno in grado di seguire con successo tutti i consigli.

Alcune persone disabili non possono isolarsi completamente come altre persone, perché hanno bisogno dell’aiuto di altri per svolgere le attività quotidiane di auto-cura. Inoltre, fornirsi di generi alimentari può essere difficile per alcune persone disabili. Per alcuni di loro, anche pulire le case e lavarsi spesso le mani può essere estremamente complesso, a causa di menomazioni fisiche, barriere ambientali o servizi interrotti.

Il COVID-19 minaccia non solo la salute delle persone con disabilità ma anche la loro indipendenza

Alcune persone disabili dipendono da un regolare aiuto e sostegno da parte di altri per mantenere la loro indipendenza, cioè la loro capacità di vivere nelle loro case piuttosto che in quelle di cura. Focolai di malattie trasmissibili possono interrompere questi servizi. Gli assistenti e gli operatori sanitari possono ammalarsi o il rischio di contrarre o diffondere malattie può richiedere loro di rimanere a casa, interrompendo i servizi indispensabili per le persone disabili.

Vale anche la pena considerare che, specialmente durante un’epidemia, le strutture di assistenza congregata non sono necessariamente più sicure per gli anziani e le persone disabili. Le strutture possono avere accesso a più risorse mediche per curare e controllare la malattia. Ma una singola persona disabile a casa, con al massimo uno o due aiutanti attenti e preparati, può effettivamente trarre beneficio dal loro relativo isolamento.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi