Qual è la differenza tra apparecchio acustico e impianto cocleare?

impianto cocleare

Impianto cocleare | Immagine da Facciamocisentire.it

Cosa accomuna apparecchi acustici e impianti cocleari? Per prima cosa, l’alimentazione è a batterie per entrambi, vengono indossati su / in / dietro / vicino alle orecchie, devo essere programmati da un audiologo e vengono utilizzati per trattare la perdita d’udito nei bambini e negli adulti.

Nonostante queste somiglianze, apparecchi acustici e impianti cocleari presentano delle differenze sostanziali. La funzione degli apparecchi acustici è di amplificare (aumentare il volume) i suoni, mandandoli al cervello attraverso l’intero sistema uditivo: condotto uditivo, timpano, orecchio medio, minuscole cellule ciliate dell’orecchio interno e nervo uditivo.

Gli apparecchi acustici vengono in aiuto di quelle persone che presentano diversi gradi di perdita dell’udito, da lievi fino a profondi. Inoltre, facilitano tantissimo lo sforzo comunicativo, riducono le difficoltà di udito e comprensione e il livello di affaticamento della comunicazione sperimentato dall’utente.

Nessuno componente dell’apparecchio acustico rimane in modo permanente all’interno o sopra il paziente. Inoltre, non tutte le persone con perdita d’udito sperimentano gli stessi benefici; mentre alcuni affermano di sentire quasi completamente, altri invece affermano che il miglioramento è appena percettibile.

In generale, un paziente che ha elevati standard di comprensione delle parole sperimenterà livelli maggiori di miglioramento rispetto a chi presenta una scarsa comprensione della parola, anche se, nel primo caso, il grado di perdita dell’udito è peggiore.

Gli impianti cocleari presentano due dispositivi: uno interno ed uno esterno. Quest’ultimo ha la funzione di captare i suoni e, bypassando il canale uditivo, il timpano e l’orecchio medio, li invia a quello interno che è collegato ad un array di elettrodi impiantato nella coclea (orecchio interno).

Piccoli impulsi di corrente elettrica vengono inviati lungo l’array dal dispositivo interno per stimolare il nervo uditivo. A differenza degli apparecchi acustici, gli impianti cocleari vengono impiantati soltanto nei pazienti che presentano un deficit uditivo di notevole entità.

Attualmente, l’impianto cocleare è indirizzato ad adulti e bambini di età pari o superiore a 2 anni. Sotto tale età, i bambini devono avere una totale perdita uditiva per essere trattati con l’impianto. Inoltre i pazienti devono ottenere un punteggio “scarso” nella comprensione delle parole e nei test di comprensione delle frasi.

A differenza di un apparecchio acustico, un parte dell’impianto cocleare resterà in modo permanente all’interno del paziente. Durante la notte, solo il dispositivo esterno può essere tolto. Inoltre, nel caso di apparecchio acustico, una persona può scegliere di non utilizzarlo più ed accontentarsi di sentire come faceva prima, mentre l’impianto cocleare non può essere rimosso.

Come nel caso degli apparecchi acustici, la funzionalità e la performance di un impianto cocleare è puramente soggettiva. Tuttavia, a differenza degli apparecchi acustici, i punteggi di comprensione della parola di una persona prima dell’impianto non sono direttamente correlati con il livello di successo previsto con un impianto cocleare. La scelta di un impianto cocleare è una decisione che non deve essere presa alla leggera, ma è anche una scelta che può avere un risultato davvero sorprendente per il paziente giusto.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi