Le compagnie USA danneggiano migliaia di sedie a rotelle ogni anno

aereo

Nei primi nove mesi di quest’anno, le principali compagnie aeree commerciali statunitensi hanno danneggiato almeno 7.747 sedie a rotelle. È una media di 29 ogni giorno. Tre anni fa, dopo un volo con la United Airlines, una passeggera disabile si taglio il pollice mentre spingeva la carrozzella fuori dall’aeroporto. La compagnia aerea aveva danneggiato un anello di metallo, lasciando un frammento affilato e sporgente.

La stessa compagnia aerea ignorò la denuncia di un’altra passeggera disabile per danni alla sua sedia elettrica, rispondendo settimane dopo e solo dopo che un avvocato scrisse una lettera minacciando di fare causa.

Nel 2017, la senatrice degli Stati Uniti Tammy Duckworth salì a bordo di un volo ore dopo aver scritto al segretario federale dei trasporti Elaine Chao, chiedendogli perché aveva ignorato la richiesta fatta alle compagnie aeree di tracciare i danni alle sedie a rotelle. All’atterraggio, la senatrice notò che la sedia a rotelle di un passeggero disabile non si muoveva più.

“La staffa di metallo sopra le ruote si era piegata”, disse la Duckworth. “Stiamo parlando di metalli pesanti. Mi chiedo, come sono riusciti a rompere questa sedia a rotelle?”. Non fiduciosa che il Dipartimento dei trasporti degli Stati Uniti avrebbe implementato la regola di tracciamento proposta anni prima, lo scorso anno la Duckworth inserì una disposizione nella nuova autorizzazione dell’autorità aeronautica federale per renderla legge.

Ora, per la prima volta, le principali compagnie aeree commerciali devono comunicare ogni mese la frequenza con cui controllano i gate per le sedie a rotelle, nonché la frequenza con cui i passeggeri segnalano tali dispositivi come danneggiati, smarriti o rubati. Tale requisito entrò in vigore a dicembre 2018. Tra gennaio e settembre, l’ultimo mese per il quale sono disponibili i dati, i vettori statunitensi hanno riferito di aver gestito in modo errato almeno 7.747 sedie.

Anche se è solo l’1,6% delle sedie a rotelle controllati sui voli, più di una dozzina di viaggiatori ha dichiarato che i danni ai loro ausili per la mobilità possono avere conseguenze mediche, emotive e finanziarie significative. Alcuni evitano di volare, dicendo che i rischi sono troppo grandi.

“Sono attrezzature essenziali per la mobilità, di un’importanza vitale”, ha dichiarato Ben Mattlin, scrittore di Los Angeles e disabile su sedia a rotelle. “Se fossero tanti gli animali domestici ad essere feriti ogni giorno, sarebbe un tumulto di portata mondiale”.

La Duckworth ha affermato che l’opinione pubblica non riesce a comprendere la gravità della situazione quando una sedia a rotelle viene danneggiata o persa. “Questi dispositivi medici sono essenzialmente una parte del corpo di una persona disabile”, ha affermato. “Immaginiamo se in un solo anno tante persone si rompessero le gambe durante il volo. L’effetto è praticamente lo stesso”.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi