La difficile situazione dei disabili in Europa sotto il Coronavirus

Le persone che non ricevono cure mediche per le loro condizioni sono troppo “complicate”? I bambini senza istruzione perché le scuole non possono comunicare con loro? Le famiglie lasciate da sole a gestire tutto, dall’alimentazione all’istruzione? Tutti incapaci di raggiungere parenti e amici e avere una normale conversazione umana?

Suona familiare? Eppure, questa non è la descrizione della vita in questo lockdown causa coronavirus: è ciò che è per milioni di persone con disabilità intellettive e i loro familiari da sempre. Ciò che ha messo in evidenzia il coronavirus e il blocco è la continua segregazione e discriminazione delle persone con disabilità intellettive, in particolare nell’accesso alle cure sanitarie.

L’attuale emergenza sanitaria per milioni di persone in tutta Europa non fa che aggravare ulteriormente queste caratteristiche della vita quotidiana. L’aggiunta di una prospettiva realistica dell’uscita dal lockdown non porterà sollievo alle persone con disabilità intellettive, ma l’inizio simbolico di un lungo periodo di danno e sofferenza, lontano dall’attenzione dei media.

Una madre single di un bambino con gravi disabilità deve prendersi cura del figlio gravemente da sola, 24 ore su 24, 7 giorni su 7, senza assistenza, senza riposo, con la maggiore domanda di shopping, cucina, alimentazione e terapia intensiva. Quando si tratta di istruzione, la priorità sembra essere “come gestire l’istruzione da casa”, senza però considerare che molti genitori non conoscono la metà delle cose che i figli dovrebbero imparare.

Ma che dire dei bambini che non ricevono alcuna istruzione? Considerando tutti i discorsi sulla “educazione speciale” e sul ruolo indispensabile delle scuole speciali, nessuno ancora ha fatto qualcosa di “speciale” per i bambini con disabilità durante questa crisi.

È stata una sorpresa quando i primi casi di persone a cui è stato negato il trattamento medico sono stati a causa della loro disabilità?  Almeno, potrebbe dire un cinico, l’attuale emergenza ha messo in evidenza come alcune istituzioni sanitarie in Europa sono delle vere e proprie “pentole a pressione” piene di rischi e problemi e pronte ad esplodere. A quale costo però? Grandi gruppi di persone (in alcuni casi personale incluso) sono completamente isolati e bloccati da settimane e persino mesi all’interno di case di cura.

Quante persone che vivono in queste case di cura moriranno senza mai ricevere cure mediche adeguate? Sta accadendo in quelle per anziani, e ci sono anche preoccupanti segnali che arrivano dagli istituti per le persone con disabilità.

Si sente spesso dire “Siamo in un’emergenza”, con la popolazione chiamata a serrare i denti e cercare di resistere. Ciò sarebbe vero se questa situazione fosse qualcosa di nuovo per le persone con disabilità intellettive e se fosse andata via presto. Purtroppo, non è nessuna dei due.

Anche se le cose torneranno come nel periodo pre-pandemico, significherà comunque che le persone con disabilità verranno separate dalle loro comunità e dalle scuole, con le famiglie chiamate a fornire la massima assistenza e sostegno. Ciò significherà che le persone con disabilità intellettive non riceveranno un’adeguata assistenza sanitaria.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi