A Berkeley, la scuola è d’esempio per gli studenti disabili che vogliono studiare

La vicinanza della “Haas School of Business” di Berkeley alla Silicon Valley fa sì che gli aspiranti imprenditori decidano dove studiare per un Master in business administration (MBA). Ma per Alvaro Silberstein c’era una ragione più convincente per scegliere l’Haas.

Essendo su una sedia a rotelle dopo aver subito una lesione alla colonna vertebrale in un incidente d’auto all’età di 18 anni, era attratto dalla scuola grazie alla storia riguardante gli studenti con disabilità. Le proteste del campus di Berkeley negli anni ’60 e ’70 da parte di attivisti studenti disabili hanno spianato la strada a leggi fondamentali, tra cui l’Americans with Disabilities Act.

“Studiare per il master nel luogo in cui è avvenuto quel movimento per l’inclusione delle persone con disabilità è stato per me molto stimolante”, ha affermato. “Mi ha fatto capire che avrei potuto diventare come loro e avere un impatto sull’inclusione e l’accessibilità”. La sua start-up “Wheel the World” organizza esperienze di viaggio per persone disabili: dalla visita a Machu Picchu fino al nuoto con gli squali. Fondata nel 2017, l’anno in cui si è laureato Silberstein, le sue destinazioni includono America Latina, Africa, Europa e Stati Uniti, con particolare attenzione all’avventura all’aperto.

Silberstein ha dichiarato che “arrivare ad Haas dal Cile con una grave disabilità e vivere per la prima volta in modo indipendente senza la mia famiglia, mi ha aiutato molto a trovarmi in un ambiente professionalmente competitivo, ma allo stesso tempo umano, pieno di forti valori che aiutano a prendersi cura l’uno dell’altro”. Ciò è possibile anche grazie ad un team di volontari, che aiutano gli studenti disabili. “Haas possiede tecnologie e risorse che consentono a chi è sordo, cieco o ipovedente oppure con una disabilità fisica di studiare come chiunque altro”.

Anche se la maggior parte delle scuole di business sono progettate per essere accessibili agli studenti disabili, Silberstein ritiene che bisogna migliorare la mobilità degli studenti fuori dal campus. Viaggi esterni, visite aziendali ed eventi di networking non sono sempre inclusivi per le persone con disabilità. “Ero l’unica persona disabile nella mia classe”, ha dichiarato Silberstein. “Forse potrebbero essere concesse più sovvenzioni per incentivare i candidati disabili di alta qualità a frequentare la business school, perché la disabilità riguarda anche la diversità”.

Le business school d’élite perpetuano un clima universitario di positività che potrebbe intimidire alcuni. Tuttavia, un numero crescente di scuole tiene conto delle disabilità durante la revisione dei punteggi dei test d’ingresso e dei voti universitari.

Ad esempio, uno studente che dichiara una disabilità alla “Cambridge Judge Business School” nel Regno Unito viene presentato al centro risorse per le disabilità, che sviluppa un piano per soddisfare le sue esigenze. Ciò potrebbe essere incentrato su attrezzature fisiche come mobili personalizzati o potrebbe comportare la collaborazione con i tutor sulle esigenze di apprendimento dello studente. In altre scuole, come la “Darden School of Business” dell’Università della Virginia, i consulenti sono disponibili nelle o vicino alle residenze, per assistere gli studenti con problemi di salute mentale.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi