Come i treni all’interno della UE discriminano le persone disabili

treni

Qualcuno ha perso il treno? Non c’è problema: basta fare il biglietto, aspettare e poi partire. Ma non per tutti è così semplice. Non tutti i treni che si spostano all’interno dell’UE sono adatti per le persone disabili. Forse è allora arrivato il momento che le cose cambino!

In questa settimana il Consiglio dell’UE sta finalizzando i propri emendamenti al regolamento sui diritti dei passeggeri nel trasporto ferroviario dell’UE. Ma le persone con disabilità otterranno gli stessi diritti?

Una persona su sei nell’Unione Europea ha una disabilità. La maggior parte dei treni e delle stazioni ferroviarie in Europa è ancora inaccessibile. Di conseguenza, 80 milioni di cittadini disabili e milioni di altri passeggeri a mobilità ridotta non possono ancora viaggiare in modo indipendente.

Prendiamo, ad esempio, le persone cieche: hanno bisogno di assistenza per prendere il treno giusto. Invece, un utente su sedia a rotelle ha bisogno di una rampa per salirci sopra. Tuttavia, il diritto dell’UE impone di dare due giorni di preavviso per ottenere l’assistenza di cui hanno bisogno, anche per gli spostamenti quotidiani.

Una persona cieca non può guidare; quindi, viaggiare in treno dovrebbe essere facile, ma in realtà succede questo:

  • Se c’è bel tempo e vuole andare in spiaggia, non può viaggiare in treno.
  • Se ha un problema di famiglia urgente e ha bisogno di viaggiare in un’altra città per vedere i parenti, non può viaggiare in treno.
  • Se ha urgentemente bisogno di vedere un dottore in un’altra città, non può viaggiare in treno.

In poche parole, non possiamo viaggiare come tutti gli altri. Una situazione frustrante, fastidiosa e che richiede tempo. In breve, è inaccettabile.

Le regole di preavviso per ottenere assistenza sono obsolete, sproporzionate, discriminatorie e dovrebbero essere abolite. Invece, bisognerebbe rendere pienamente accessibili le infrastrutture ferroviarie e i veicoli, ma tali cambiamenti non avverranno dall’oggi al domani.

Nel frattempo, le persone cieche e gli utenti su sedie a rotelle dovrebbero almeno avere il diritto di “alzarsi e andare” in qualsiasi stazione e ottenere l’assistenza di cui abbiamo hanno bisogno per prendere il treno. Questo dovrebbe far parte del servizio clienti standard del 21° secolo in ogni parte dell’UE, in ogni stazione ferroviaria e per ogni treno. La parità di accesso ai trasporti è una questione di diritti umani.

L’UE e tutti i suoi Stati membri hanno ratificato la Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità (UNCRPD) e la convenzione prevede l’obbligo per tutti gli stati di consentire alle persone con disabilità l’accesso ai trasporti sulla base dell’uguaglianza. In breve, l’attuale revisione del regolamento UE sui diritti dei passeggeri nel trasporto ferroviario deve garantire pari accesso al trasporto ferroviario.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi