Ventilatore portatile negato a un bambino: storia di una famiglia ribelle

Oliver Hopewell

Una giovane famiglia nella contea di Sevier ha dovuto combattere per ottenere un ventilatore portatile destinato al loro bambino disabile. Questo ventilatore serve nel momento in cui la coppia è in viaggio insieme al figlio.

Oliver Hopewell, di due anni e mezzo, è nato nel luglio del 2015 con una grave malattia polmonare, problemi cardiaci e la sindrome di Down. Il suo fratello gemello Tristan invece è sano. Oliver utilizza un ventilatore che gli permette di respirare; la sua salute è molto fragile. Consapevole delle sue condizioni, gli Hopewells adottarono lui e suo fratello poco dopo la nascita. Ci sono voluti due mesi di negoziati con lo stato per ottenere un ventilatore portatile.

Il mese scorso ricevettero una lettera dalla TennCare la quale diceva che il ventilatore portatile non era più necessario dal punto di vista medico. I genitori di Oliver non furono d’accordo con la decisione. “Credo che ne abbia assolutamente bisogno e che sia necessario dal punto di vista medico” affermò Amy Hopewell. La lettera datata 22 gennaio affermava che il fornitore, la Lincare, non avrebbe più pagato il ventilatore e che la TennCare si limitava a fornire solo le cure mediche necessarie. Nella lettera, la TennCare scrisse che l’infermiera di Oliver avrebbe potuto fornirgli assistenza respiratoria se il ventilatore primario avesse smesso di funzionare.

“Il suo ventilatore primario non è funzionale al 100%. Abbiamo avuto problemi due volte in passato” dichiarò Amy Hopewell. “Mio figlio ha una salute molto fragile e combatte ogni giorno per la propria vita. Non è giusto rendergliela più difficile” aggiunse Melvin Hopewell.

Nella lettera c’era anche scritto che se il ventilatore principale di Oliver sviluppava un qualche problema tecnico, c’era un centro medico nelle vicinanze disponibile in caso di emergenza. “I fatti dimostrano che il Centro Medico di Parkway può offrirgli assistenza se il ventilatore si blocca” recitava la lettera. “Il Parkway Medical Center non esiste più. Non è mai stato un ospedale, ma una clinica che chiude dal lunedì al venerdì dopo le 17” dichiarò Amy Hopewell.

L’unica opzione per la coppia fu di appellarsi alla decisione della TennCare. “Ho presentato un esposto contro la loro decisione ma è stato negato. Anche il suo medico a Vanderbilt lo ha fatto ma con il medesimo risultato” disse la madre di Oliver.

Il pagamento per il ventilatore di supporto di Oliver, che è di circa 50.000 dollari, era previsto per la fine del mese prossimo. La Wate 6 On Your Side contattò la TennCare riguardo le questioni sollevate dai genitori di Oliver. In pochi giorni, la TennCare dichiarò di aver lavorato con la BlueCare e che il “ventilatore portatile per Oliver era stato approvato”. Dopo aver esaminato il caso, venne concordato che “i problemi di viaggio garantivano l’approvazione del dispositivo”.

“È un grande sollievo per noi sapere di avere questo sostegno se qualcosa dovesse andare storto” ha detto Amy Hopewell. “Siamo felicissimi. Speriamo che questo caso sia da esempio per altre famiglie che hanno il medesimo problema”.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *