Tzap, scoperta la proteina responsabile dell’invecchiamento

telomero

Un team di scienziati ha scoperto una proteina capace di controllare l’invecchiamento cellulare. Una scoperta che potrebbe aprire porte inimmaginabili e incidere parecchio anche nella ricerca sui tumori. La proteina in grado di controllare l’invecchiamento delle cellule è stata chiamata Tzap, e in base a quanto riferiscono gli scienziati si legherebbe alle estremità dei cromosomi determinando la lunghezza dei telomeri, ossia quelle parti del Dna che proteggono proprio le estremità stesse delle cellule (assomigliano un po’ a dei cappucci).

Un ruolo fondamentale, dunque, ancor più se si considera che i telomeri sono proprio le parti di Dna che determinano la durata di vita delle cellule.

Quando nascono, le cellule hanno dei telomeri di una data lunghezza. Tale lunghezza tende ad accorciarsi col passare del tempo, man mano che la cellula si divide. Quando i telomeri si accorciano troppo, la divisione non può più avvenire. Grazie a questo meccanismo, la cellula riesce ad affrontare un determinato numero di divisioni capace di assicurare la creazione dei tessuti degli organi. Intervenire direttamente in questo processo, quindi, potrebbe permettere di combattere la proliferazione delle cellule cancerogene o di tenere sotto controllo il processo di invecchiamento cellulare (con tutto ciò che comporta).

Ecco perché la proteina scoperta dai ricercatori è di estrema importanza: perché controllando il taglio dei telomeri, ci si assicura che questi non diventino troppo lunghi. Detto in altri termini significa che con questo sistema, la cellula non prolifera oltre il dovuto: una fattispecie ideale in caso di massa tumorale, perché in questo modo si riuscirebbe a fermare il diffondersi del tumore.

Il fatto che sia stata aperta una porta su un meccanismo che è importante per la riparazione dei tessuti e al contempo determinante per evitare la proliferazione delle masse tumorali, permetterà ora agli scienziati di non considerare irrealistica l’idea di arrivare ad ottenere una vita più lunga e più sana.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *