Tumori, Argentin all’attacco: mammografia negata alle disabili

ileana argentin

“Ho appreso la notizia che la mammografia nel Sud Italia viene fatta solamente da una donna su 5. Come sappiamo la mammografia è un esame che può salvare la vita, è una forma di prevenzione che permette a qualsiasi donna, soprattutto se di età superiore ai 40 anni, di poter controllare al meglio le condizioni di una parte importante e delicata del suo corpo.

A noi donne disabili questo dovuto atto di prevenzione non ci viene riconosciuto: ci viene negato da una mancata attenzione da parte delle case produttrici di macchinari che continuano a immaginare la donna solo ‘in piedi’. Noi femmine che non possiamo stare in posizione eretta non abbiamo modo di fare questa analisi e ciò è veramente vergognoso, visto che l’handicap di certo non ci tiene lontane il rischio di contrarre il tumore al seno”.

Queste le parole rilasciate tramite una nota dalla deputata del Partito Democratico Ileana Argentin, da sempre molto attenta sul tema dei diritti dei disabili e per questo in prima linea nella battaglia contro la discriminazione nel mondo delle mammografie.

“Proprio qualche giorno fa – continua la nota – mi è arrivata a casa una lettera da parte dell’Asl che mi invitava ad eseguire il mio primo controllo gratuito, vista la mia età. Come dire, dopo il danno la beffa: non ho potuto ovviamente eseguire questo esame e in più mi sono anche dovuta giustificare con l’Azienda Sanitaria di competenza.

Sporgo questa denuncia non tanto per polemica ma per rivendicare un diritto che viene puntualmente negato e per provare a far capire ai baroni della medicina, così come al medico di famiglia, che noi non ci ammaliamo solo di handicap, perché la disabilità è uno status, non una patologia. Ricordatevi quindi di noi, anche per la prevenzione e non solo per le cure, perché la salute, non facciamo altro che ripeterlo, è un diritto di tutti”.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *