Ogni Sport Oltre (OSO): nasce la piattaforma per gli sportivi disabili

ogni sport oltre - oso

Fondazione Vodafone lancia OSO – Ogni Sport Oltre, la prima vera comunità digitale aperta a chiunque e volta ad avvicinare allo sport le persone affette da una qualsivoglia forma di disabilità. La presentazione del progetto è avvenuta pochi giorni fa a Roma, nella Sala della Scherma del CONI, con la presenza del presidente del CONI Giovanni Malagò, del numero uno del CIP Luca Pancalli, dell’amministratore delegato di Vodafone Italia Aldo Bisio e del presidente di Fondazione Vodafone Italia Enrico Resmini.

All’evento hanno preso parte in qualità di ospiti anche diversi atleti paralimpici, tra cui Alex Zanardi e Bebe Vio. Il ministro della Salute Beatrice Lorenzin ha partecipato all’iniziativa facendo pervenire un suo messaggio.

OSO è la prima piattaforma digitale che mette online tutte le informazioni utili a chi vuol praticare sport in Italia. Con OSO, quindi, nasce una comunità digitale che raduna tutti coloro che si occupano di sport e disabilità.

Si tratta di una sorta di piazza virtuale opportunamente suddivisa in aree tematiche, con una parte relativa alle news, agli approfondimenti e alle storie, con una sezione dedicata alle strutture accessibili filtrate per sport e tipologia di disabilità a cui si rivolgono, e con un’area community in cui gli iscritti possono interloquire tra loro a 360 gradi (condividendo le proprie storie o dando uno sguardo alle testimonianze altrui). Presente anche un’area dedicata ai progetti messi in campo dalle associazioni, nonché una parte focalizzata sul marketplace (incentrata cioè sullo scambio e sull’acquisto di attrezzature e ausili per lo sport).

Attualmente la piattaforma OSO ospita già una quarantina di progetti (sia nazionali che locali) raccolti attraverso il bando da 1.9 milioni di euro che si è concluso proprio il mese scorso. Questa realtà digitale, però, resta aperta a chiunque voglia prenderne parte, quindi anche alle associazioni che vogliono semplicemente portare all’attenzione altrui il proprio progetto (e provare a metterlo in moto anche tramite una campagna di crowfunding).

Partner del progetto, ad oggi, sono Huawei Italia e Fondazione CON IL SUD, che hanno partecipato attivamente alla messa in moto della piattaforma.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *