Parchi giochi inclusivi in tutta Italia: la battaglia di Uildm

parco giochi

La Giornata Nazionale Uildm 2017, che si terrà sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica dal 3 al 16 aprile prossimi, sarà dedicata all’inclusione dei più piccoli nella società all’interno della quale dovranno crescere. Un’inclusione, quella dei più piccoli, che si concretizzerà nel miglior modo possibile per loro: il gioco.

“Giocando si impara”. Guarda caso è questo il nome scelto dall’Unione Italiana Lotta alla Distrofia Muscolare per sensibilizzare opinione pubblica e istituzioni sulla realizzazione di parchi gioco inclusivi nelle comunità locali. Equipaggiare le aree verdi con giostre adatte anche ai bambini con disabilità motorie significa prima di tutto rispettare la dignità dei piccoli più svantaggiati, ma poi anche rispondere al bisogno di costruire legami e relazioni tra bambini normodotati e diversamente abili. Giocare insieme è un modo per fare amicizia, maturare affetti e prendersi le proprie responsabilità, pertanto, perché mai non allargare lo spettro di questo diritto a tutti quanti i bambini?

Secondo i dati diffusi dalla Uildm, c’è ancora molto da fare su questo fronte: negli oltre 8.000 comuni d’Italia sarebbero soltanto poco più di 350 i parchi inclusivi e/o quelli che hanno almeno una giostra accessibile. In pratica, una percentuale che non tocca neanche il 5% della copertura nazionale.

Al momento il nostro ordinamento non ha una normativa a cui si possa fare riferimento e le iniziative sull’abbattimento delle barriere architettoniche nei parchi gioco sono lasciate alla volontà di enti locali o privati cittadini sensibili alla questione. Per questo, in occasione della Giornata Nazionale Uildm 2017, i volontari dell’associazione saranno presenti con quasi 300 punti di raccolta su tutto il territorio per offrire la tavoletta di cioccolato Uildm del valore commerciale di almeno 6 euro. Con questi proventi l’associazione mira a sostenere la realizzazione di parchi gioco inclusivi, perché dove non arrivano le istituzioni arrivano le associazioni e i privati.

Da più di 55 anni Uildm Onlus è il punto di riferimento nazionale per le persone affette da distrofie muscolari. Dietro questa sigla si nasconde un’associazione che promuove la ricerca scientifica e l’inclusione delle persone disabili. “Le due settimane della nostra Giornata Nazionale 2017 sono fondamentali per ripartire dai più piccoli, perché attraverso loro possiamo raccontare un mondo possibile. Il gioco è il primo step da fare a livello culturale e non per nulla banale come può sembrare, perché quando giochiamo siamo tutti uguali. Grazie al gioco possiamo dar vita a una realtà in cui nessuno è escluso”, spiega Marco Rasconi, presidente di Uildm.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *