Muoversi in vacanza: gli Scooter Byco pieghevoli e scomponibili!

scooter byco

Iniziata forse un po’ timidamente, oramai l’estate è scoppiata e la voglia di evadere, di uscire, di farsi una passeggiata al mare, di organizzare dei pic nic o più semplicemente di respirare aria fresca finisce per catturare un po’ tutti quanti. Molti italiani in questo periodo stanno già cominciando a programmare le loro vacanze estive in vista delle ferie di agosto, ma c’è ancora chi, come i disabili, si ritrova a dover combattere con il doppio delle energie per godere anche solo un po’ delle occasioni di svago offerte da questa stagione.

D’altra parte sappiamo bene come un po’ l’età, un po’ la salute e un po’ i limiti fisici possono rappresentare dei seri ostacoli per la propria mobilità, ma con l’arrivo in Italia dei mini scooter scomponibili Byco qualcosa potrebbe cambiare (quanto meno per alcuni!).

Questi marchingegni, prodotti dall’italiana Meccanica Bertazzoni, sono infatti particolarmente utili per muoversi in città con grande facilità e hanno per di più una caratteristica che li rende comodi da trascinarsi dietro: quella di poter essere ripiegati e comodamente riposti nel bagagliaio dell’auto! I mini scooter di Meccanica Bertazzoni sono attualmente disponibili nelle versioni Byco Plus e Byco LT, entrambe scomponibili ed entrambe ripiegabili.

Sono insomma degli ottimi alleati per diverse tipologie di persone: quelle che hanno per esempio dei problemi nel sollevare i pesi possono sfruttarne la scomponibilità in parti, mentre invece quelli che non hanno problemi di questo genere possono comunque trarre vantaggio dal fatto che questi scooter siano ripiegabili e riponibili nel bagagliaio dell’auto.

Ma al di là di questa loro flessibilità, sono altri tre i punti di forza fatti propri dagli scooter Byco: la possibilità di poter essere utilizzati anche in luoghi particolarmente affollati o circoscritti (merito del ristretto raggio di sterzata dato dalla presenza di 3 ruote anziché 4); la solidità e la durezza del telaio (merito del tubolare in acciaio); e in ultimo la disponibilità della ditta produttrice a personalizzare i veicoli in relazione alle specifiche necessità dell’utilizzatore finale.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *