Modello ICRIC, scadenze e cambiamenti per il 2016

Il modello ICRIC (Invalidità Civile di RiCovero) è un documento che va presentato ogni anno da quanti sono titolari di un’indennità di accompagnamento o di una indennità di frequenza. Parliamo di un modulo che, legato ai casi di invalidità civile, non è altro che un’autocertificazione mediante la quale il soggetto interessato (o chi per lui) dichiara un eventuale stato di ricovero in una struttura pubblica. Per quanto importante, questo documento finisce spesso al centro di fraintendimenti vari che ne riguardano la compilazione e soprattutto i termini di scadenza.

Per questo motivo vediamo di fare un po’ di chiarezza su come funziona e su quando va presentato il Modello ICRIC! Da qualche anno a questa parte non bisogna più attendere il “bustone” tramite il quale l’INPS ci invita a compilare i moduli utili per avere assistenza, in quanto è ormai possibile recarsi direttamente al patronato per farsi aiutare nella compilazione del modello. Ci si presenta quindi al CAF o al Patronato di fiducia con un documento di identità valido, e sulla base della situazione esposta l’ente di intermediazione sarà solito procedere con la rispettiva pratica di compilazione del Modello ICRIC, del modello ICLAV (Invalidità Civile LAVoro) e del Modello ACCAS/PS (ACCertamento requisiti per ASsegno o Pensione Sociale).

Insomma, il fatto stesso di non dover più aspettare la lettera dell’INPS per dichiarare gli estremi di uno stato di ricovero non è mica cosa da poco. Il bustone per arrivare, arriva ancora, ma lo fa solo quando l’INPS rileva che l’utente non ha inviato il modello entro i termini stabiliti. Oltretutto, chi non dovesse presentare questa documentazione non solo entro i termini stabiliti, ma anche entro i termini indicati dalla lettera di sollecito, si vedrà sospendere l’erogazione erogata a suo favore dall’Istituto di Previdenza.

La scadenza prevista per la presentazione del modello ICRIC è stata fissata per la data del 16 Febbraio prossimo. Entro questa data, dunque, chi dovesse aver avuto casi di ricovero farebbe meglio a mettersi in regola recandosi a un CAF o a un Patronato di propria fiducia.

18 Comments

  1. alessandro 10 febbraio 2016
    • Redazione 3 marzo 2016
  2. ebe 8 marzo 2016
    • Redazione 10 marzo 2016
    • BRUNO DI MAIO 1 luglio 2016
    • Basim 19 dicembre 2016
  3. gianni 2 aprile 2016
    • Redazione 3 aprile 2016
    • BRUNO DI MAIO 1 luglio 2016
  4. Anna Murri 28 aprile 2016
    • Redazione 28 aprile 2016
  5. De Ferrari Alberto 23 maggio 2016
  6. Davide 3 settembre 2016
  7. Fede 18 ottobre 2016
  8. giuseppina bassu 8 novembre 2016
  9. Gina 6 dicembre 2016

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *