MBionics crea la prima protesi bionica del Kazakistan

mbionics

Maulen Bekturganov è il fondatore di MBionics, la società che ha sviluppato e creato le prime mani protesiche bioniche della nazione progettate per persone disabili. Il giovane ingegnere aiuta le persone a tornare alla vita normale dopo aver perso un arto. Il quindicenne Akezhan Argyngazin, della regione del Kazakistan orientale, è il primo ad usufruire di una protesi di questo tipo.

“Sono rimasto sorpreso quando ho saputo che tali protesi esistono in Kazakistan. Mi è piaciuta anche la versione del prototipo, anche se quel modello non permetteva di comprimere e contenere alcuni oggetti. Questa protesi è più funzionale: è molto più forte della mia stessa mano e in pochi minuti ho imparato a fare diversi gesti”, ha detto il ragazzo. Bekturganov ha realizzato il primo prototipo a gennaio 2016, per cui Argyngazin utilizza il quinto modello creato.

“In questa ultima versione abbiamo applicato tutte le conoscenze e le conquiste accumulate. Questo è un dispositivo affidabile e conveniente che utilizza le soluzioni di maggior successo di cinque diversi modelli di protesi. Il software che abbiamo sviluppato consente la completa gestione della stessa il giorno successivo dopo l’adattamento”, ha dichiarato Bekturganov in un’intervista.

Sono comunque necessari diversi mesi per imparare come gestire la protesi, mentre Argyngazin lo ha imparato in una sola settimana. L’azienda utilizza solo dettagli certificati, mentre la maggior parte delle start-up usa quelle a buon mercato, ha detto Bekturganov, aggiungendo che il dispositivo è anche facile da attaccare.

La protesi è stata sviluppata con l’aiuto di 3D PM, che ha fornito la modellazione e la produzione di prese protesiche usando la stampa 3D.

“Gli sviluppatori kazaki per la prima volta sono riusciti a creare un modello di protesi bionica, che è praticamente applicabile in condizioni domestiche. A differenza degli analoghi importati, abbiamo prodotto qualcosa di personale che tiene conto di tutte le caratteristiche della biometria di una determinata persona. Risparmiando tempo e risorse è possibile eseguire la scansione del moncone nella fase di modellazione degli elementi della protesi”, ha affermato il co-fondatore e direttore tecnico 3D Oleg Lobakh.

“Con l’aiuto di una simile protesi, una persona può prendere una tazza in mano o aprire una porta. Può persino fare sport! E non c’è bisogno di tagliare la mano per connettere i nervi con il polso bionico. La protesi è dotata di sensori collegati alla pelle. Ogni protesi deve essere assemblata singolarmente per adattarsi meglio a un particolare utente. Ad esempio, quando una persona soffre di atrofia muscolare, le impostazioni individuali della protesi possono aiutarlo a gestirla, anche se lui o lei ha già dimenticato come manipolare le dita o il polso”, ha detto Bekturganov.

Nel creare MBionics, Bekturganov ne ha sottolineato l’affidabilità. Le protesi, realizzate in plastica resistente agli urti, sono attualmente prodotte su una stampante 3D, ma lui vuole sostituire alcune parti con il titanio. La società prevede inoltre di produrre protesi di trazione e formatori da polso per le persone che hanno subito ictus.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *