Mare accessibile: da Grosseto un esempio virtuoso

mare accessibile

Godersi il pedalò durante una calda giornata d’estate, giocare a beach volley con amici o parenti, e magari farsi anche un bagno rigenerante in piscina. Queste sono attività tipiche della stagione estiva, ma è anche vero che tanto tipiche non lo sono per le persone che soffrono di una qualche disabilità: i soggetti non normodotati, infatti, non sempre riescono a “tenere il passo” degli altri, per cui si ritrovano spesso a dover vivere un’estate diversa, se vogliamo più noiosa e asettica.

Ci sono però delle spiagge che stanno provando ad andare incontro ai più deboli e un esempio virtuoso in tal senso ci arriva dalla Maremma, da Marina di Grosseto, dove il 28 maggio è stato inaugurato un pezzo del progetto “Mare per tutti”. Nel lido Bagno Moderno è infatti stato presentato un pedalò elettrico che permette di navigare sui mari e di sormontare le onde senza l’aiuto delle gambe: il mezzo, essendo per l’appunto elettrico, permette anche ai non normodotati di godersi una bella avventura in mare senza più pensieri!

Per permettere una buona fruizione del servizio, lo stabilimento si sta dotando di tutta una serie di accorgimenti strutturali e di ausili vari, tra cui pedane volte a facilitare il percorso su spiaggia e l’ingresso in acqua, ma anche un sollevatore per l’entrata in piscina e una handbike per dar modo a chiunque di potersi godere una passeggiata in autonomia. Il pedalò elettrico quindi è solo la “punta” del lavoro che lo stabilimento sta facendo per darsi la veste di una spiaggia accessibile e su misura di disabile.

Inoltre, grazie ai fondi stanziati dalla onlus sostenitrice “Tutto è possibile”, il progetto offre anche una navetta gratuita da e per la spiaggia a quanti ne faranno richiesta. E per non farsi mancare nulla è stato predisposto un cartellone di eventi serali, suddivisi per tematica, che terranno impegnati i bagnanti per i prossimi giorni d’estate! Un esempio è dato dalla pesca notturna in riva al mare a cui, proprio grazie al discorso di cui prima, potranno prender parte anche persone in carrozzina.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *