Legge di Bilancio, 50 milioni in più per Fondo sulla non autosufficienza

matteo renzi

Sabato scorso, il governo, per voce del premier Matteo Renzi e del ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan, ha annunciato le novità che verranno introdotte con la Legge di Bilancio 2017 (in questi giorni al vaglio del Consiglio dell’Unione Europea a Bruxelles). Quest’anno la manovra è stata fatta salire a 27 miliardi di euro, anche se a conti fatti si tratta di una manovra piuttosto espansiva, che elargisce agevolazioni, bonus e fondi sui fronti più diversi (dalla sicurezza alla salute, fino all’istruzione). E tra i comparti per i quali è stato prestato un occhio di riguardo, c’è anche quello relativo alla disabilità.

Il primo dato significativo sta infatti nell’aver aumentato il Fondo per la non autosufficienza di 50 milioni di euro in più. Questa promessa era stata avanzata dallo stesso Renzi nel settembre 2016, in occasione della Conferenza Nazionale sulle Politiche della Disabilità. In quell’occasione il premier dichiarò: “Io sono qui per ribadire che il tema della disabilità, così come abbiamo fatto con il Dopo di Noi e per le altre leggi approvate, è un pilastro dell’azione di governo. E ritengo che nella legge di Stabilità riusciremo anche ad incrementare, seppur di poco, il fondo per la non autosufficienza”.

La manovra ha poi dato il via libera a un miliardo di euro in più per permettere di intervenire sugli istituti che hanno insegnanti di sostegno e un numero di disabili piuttosto rilevante. Buone notizie anche per il Fondo che tiene in piedi il Sistema Sanitario Nazionale, aumentato da 111 a 113 miliardi di euro, soprattutto per finanziare l’attuazione del piano vaccini, per permettere la stabilizzazione dei medici e degli infermieri precari, per rimpolpare il fondo per i farmaci anti epatite C e per dare una mano al fondo che si occupa di terapie oncologiche innovative.

Altre novità interessanti non strettamente inerenti il discorso disabilità riguardano poi l’Ape e l’Ape Social, ossia il prestito-ponte che permetterà a chi avrà i requisiti per farlo, di uscire anticipatamente dal mercato del lavoro. Via libera, poi, all’aumento della quattordicesima per le pensioni più basse, allo stanziamento di 600 milioni per le famiglie in difficoltà economiche, alla riduzione delle tasse sulle imprese (Ires e Iri) e alla diminuzione del canone Rai da 100 a 90 euro.

One Response

  1. Anna Salamone 16 novembre 2016

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *