La tecnologia corre in aiuto a chi soffre di dislessia

dislessia

Per dislessia s’intende un disturbo specifico della lettura che si manifesta con una difficoltà nella decodifica di un testo. Molte sono le persone che soffrono di questo disturbo nel mondo e un dato eclatante arriva dagli Stati Uniti dove sono circa 40 milioni le persone interessate dal fenomeno.

Ecco alcuni dati:

  • Il 70-80% delle persone con scarsa capacità di lettura è probabile che siano dislessici
  • Il 30 percento dei bambini con dislessia hanno anche una forma lieve di ADHD (Disturbo da Deficit di Attenzione/Iperattività)

I metodi per curare questo disturbo hanno abbracciato spesso un iter piuttosto tradizionale ma negli ultimi tempi lo sguardo è stato rivolto alla tecnologia avanzata. Conoscere e approfondire però gli aspetti soggettivi e personali che creano questo disturbo è molto importante per scegliere il metodo migliore da seguire. Ecco allora i migliori metodi tecnologici che potrebbero essere messi in campo per risolvere il problema.

Imparare a leggere e a scrivere potrebbe essere semplice ma in realtà non lo è. Lo Speechify ha una varietà di strumenti che rendono più facile alle persone non solo imparare a leggere, ma diventare esperti in un ragionevole periodo di tempo.

“Metti in pausa, salta o cambia la velocità ogni volta che vuoi. Avrai il pieno controllo delle tue letture”. Questo è ciò che dice Cliff Weitzman, la mente dietro la tecnologia di Speechify. Come vincitore del Forbes Under 30, la sua tecnologia sembra essere sulla strada giusta per trattare le persone che soffrono di dislessia (e altre difficoltà di apprendimento).

L’App Sound Literacy continua invece a crescere in termini di popolarità, grazie al suo apporto nell’aiutare gli studenti ad imparare a leggere.Sviluppata da un insegnante, questa app ha una lunga lista di funzionalità in grado di coadiuvare le persone dislessiche nella padronanza della lettura. Dall’apprendimento dei suoni all’elaborazione delle parole, è uno strumento che molti genitori, studenti, insegnanti e tutor utilizzano a loro vantaggio.

Un altro strumento tecnologico è Nessy, una serie di programmi progettati per aiutare gli studenti ad imparare a leggere e scrivere con differenti metodologie di apprendimento. Solo perché qualcuno è dislessico non significa che ci sia qualcosa di sbagliato in lui. Significa semplicemente che hanno bisogno di imparare in un modo diverso.

Nessy Dyslexia PD è stato progettato per insegnanti e tutor ed è utile per aiutarli a capire meglio la dislessia, compreso come individuare questo problema e il modo migliore per insegnare agli studenti che stanno lottando contro questa disabilità.

Siamo ancora alle fasi iniziali del supporto tecnologico verso questo problema disabilitante. Non esiste cura per la dislessia ma la tecnologia futura potrà garantire un aiuto sempre più valido a queste persone per condurre una vita migliore.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *