La Spezia, furbetti dei pass disabili: stanati tre casi

parcheggio disabili

Tra le pagine di Disablog.it abbiamo parlato del pass disabili e di come, dallo scorso 15 Settembre, quelli vecchi di color arancione siano stati sostituiti dal contrassegno unificato disabili europei di color blu. Questo cambiamento va a favore delle persone con disabilità sia sul fronte dell’utilizzo del pass su scala europea e non più solo nazionale, sia per quel che riguarda la battaglia contro i furbetti dei pass.

E proprio adeguandosi a questa normativa, il comando della Polizia municipale de La Spezia in questo periodo ha avviato l’iter dei controlli per individuare chi ancora espone il vecchio contrassegno ormai scaduto da tre mesi, ma anche per stanare coloro i quali fanno un uso improprio del pass esibendolo pur non avendo a bordo una persona disabile.

Ebbene, per quel che riguarda il primo aspetto la municipale ha constatato come fossero davvero pochissimi i casi di pass scaduti, a testimonianza di come la comunicazione di trasformarli nel contrassegno unifico europeo sia stata a dir poco efficace; ma è sul secondo punto che il vero marcio è venuto a galla: sono almeno tre infatti i furbetti pizzicati a parcheggiare negli stalli riservati ai disabili pur non avendone alcun diritto. In tutti e tre i casi le persone coinvolte hanno ammesso le proprie responsabilità poiché in alcun caso avrebbero in qualche modo potuto dimostrare la liceità del loro contrassegno: i tre disabili ai quali quel pass si riferivano erano rispettivamente in una casa di riposo, in ospedale e a casa propria.

E la legge, dal momento in cui stabilisce che il pass disabili sia da ritenersi valido solo negli istanti in cui il disabile è effettivamente a bordo, non ha potuto che costringere gli agenti della municipale a partire con le sanzioni. I tre furbetti dei pass sono stati multati con una sanzione di 80 euro per sosta abusiva, e contestualmente a ciò è scattato il sequestro del contrassegno che potrà essere riconsegnato solo quando l’invalido intestatario si presenterà in Comune per farne domanda.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *