Incendio Grenfell Tower: agghiaccianti i numeri sui traumi mentali

incendio grenfell tower

La salute mentale precaria dopo l’incendio alla Grenfell Tower ha colpito un numero di persone che potrebbe superare  le 11.000 unità.

Secondo il dottor John Green, direttore clinico della Grenfell Tower NHS, la necessità senza precedenti di intervento può essere considerato “il più grande intervento traumatico nel Regno Unito”. Il dottore continua dicendo “Penso che questo sia il programma più grande che sia mai stato realizzato in Europa, certamente in termini di salute mentale. Non c’è mai stato niente di simile. Ci fa capire quanto sia forte la spinta emotiva, mai accaduta in nessun altro posto”.

Un team di 200 persone sono state destinate ad assistere le persone che potrebbero presentare queste difficoltà mentali; sono stati fatti circa 4.000 controlli nella comunità nord di Kensington e registrati circa 1.000 appuntamenti legati all’incendio.

Circa 360 tra adulti e bambini sono sottoposti al trattamento PTSD. Ci sono anche 60 persone sottoposte al trattamento per una varietà di problemi di salute mentale nonostante non siano riconducibili alla zona diretta di Grenfell. C’è anche la possibilità che ci possano essere centinaia di persone in tutta la Gran Bretagna colpite ugualmente dopo aver visto l’edificio in fiamme in televisione.

Green ha detto che potrebbero volerci anni prima di stimare fedelmente il danno portato alla salute mentale.

Una parte di difficoltà è che il PTSD è imprevedibile, con traumi in grado di “recedere spontaneamente “ o avere un ritorno inaspettato. Finora, 755 tra adulti e bambini sono stati sottoposti a screening, con 667 adulti che sono in attesa per poter iniziare prima possibile e con urgenza il trattamento. Più di 700 pazienti hanno visitato i GP con “problemi legati a Grenfell” che influenzano il loro benessere e che lamentano disturbi fisici come difficoltà respiratorie. Sono stati sottoposti a screening per il PTSD e più di 160 sono stati indicati per un trattamento specialistico.

Green ha detto i team di salute mentale possono imparare le metodologie per un approccio efficace. Ha detto che, sebbene gli scenari chiaramente sono molto diversi, l’azione proattiva vista dopo l’incendio potrebbe anche essere efficace se utilizzata dopo gravi inondazioni, dove manca il supporto al trauma, nonostante l’enorme sconvolgimento che le vittime sperimentano.

Parlando di come Grenfell si distingua da altri terribili accadimenti come bombardamenti o attacchi terroristici, il dott. Green ha detto che “già inizialmente avevo pensato che fosse un evento raro. E in una certa misura lo è, anche se in realtà non è così raro perché ci sono eventi simili che si verificano regolarmente nel Regno Unito, come le inondazioni, che causano grandi disturbi, diversi rispetto ad una torre che brucia sia all’esterno che all’interno, ma che fanno ottenere tassi molto elevati di PTSD. Quindi ciò che facciamo qui è una specie di “prototipo” da utilizzare nei traumi mentali post-inondazioni.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *