Cecità, la eSight pronta a fare la storia con i suoi occhiali tecnologici

occhiali esight

Immagine da: wonderfulengineering.com

La eSight ha annunciato che si impegnerà globalmente per portare il dono della vista ad oltre 50 milioni di persone che soffrono di cecità parziale o totale in modo da offrirgli la possibilità di una partecipazione piena e indipendente alla vita di tutti i giorni.

In un mondo in cui sette persone su 10 con cecità accertata risultano disoccupate, il 50% lotta con la depressione e il 30% vive in povertà, eSight ritiene che sia ora di sfruttare la potenza della tecnologia per aiutare queste persone. Fornendo agli ipovedenti una vita di indipendenza e pari opportunità attraverso questa tecnologia di ripristino della vista unica nel suo genere, la società potrà realizzare notevoli benefici economici e sociali.

Con l’obiettivo prefissato di creare una cronologia dei ciechi, la eSight sta cercando il sostegno di organizzazioni, scuole, professionisti della sanità, media, funzionari pubblici e molti altri che possono aiutarla in questo progetto, contribuendo attivamente a fornire questa tecnologia a chi è legalmente cieco. La eSight sta inoltre prodigandosi attraverso delle campagne di raccolta fondi per aiutare i ciechi ad ottenere gli occhiali elettronici creati dall’azienda.

“Più di un quarto di miliardo di persone su questo pianeta non ha il dono della vista” ha dichiarato Jeffrey Fenton, direttore di Outreach and Communications della eSight. “Le loro esperienze a scuola, sul posto di lavoro, a casa, sono significativamente e ingiustamente limitate. Ogni tanto viene introdotta una nuova tecnologia che può cambiare tutto. La eSight ne è un esempio lampante. La stragrande maggioranza della comunità degli ipovedenti ha la possibilità di vedere realmente. Possono lavorare per vivere, pagare con orgoglio le tasse, sfruttare al massimo il loro potenziale a scuola e possono svolgere e sperimentare quasi ogni attività della vita quotidiana come fanno le persone normali. È giunto il momento per noi di fare la storia dei ciechi, nelle nostre scuole, nei luoghi di lavoro e praticamente in ogni angolo della nostra società, dove chi vive con la perdita della vista ha bisogno del nostro aiuto”.

Per le organizzazioni, la decisione di creare la cronologia dei ciechi sul posto di lavoro è socialmente ed economicamente vantaggiosa. La eSight ha aiutato molte persone legalmente cieche a trovare lavoro o tornare a lavorare e ad esprimere il loro massimo potenziale.

Scott Reese, impiegato come assistente alla clientela e legalmente cieco, sta attualmente usando tutti i giorni gli occhiali della eSight; in un’intervista ha spiegato che “le parole non possono esprimere quanto questa tecnologia abbia cambiato la mia vita lavorativa. Posso spostarmi nel mio ufficio in completa indipendenza, vedere le espressioni dettagliate sui volti dei miei colleghi e utilizzare con facilità qualsiasi computer, software e smartphone. La eSight fa molto di più che migliorare la mia visione del mondo: mi dà un’incredibile mobilità nel mio lavoro e mi aiuta ad essere un dipendente più produttivo e soddisfatto”.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *