Atto Europeo sull’Accessibilità: nuove linee guida a favore dei più deboli

Rollstuhlfahrerin am GeldautomatenL’Unione Europea lancia una serie di misure per quel che riguarda l’accessibilità di prodotti e servizi ad uso dei cittadini disabili. Nello specifico, l’Europa si sta attivando per soddisfare esigenze di partecipazione sociale ai cittadini che sono portatori di disabilità, e lo farà mettendo in campo tutta una serie di strumenti ad hoc che ci apprestiamo a conoscere brevemente qui di seguito.

Il documento che dà il via libera a questi cambiamenti è l’Atto europeo sull’accessibilità, una sorta di vademecum che i 28 Paesi dell’Ue dovranno impegnarsi a rispettare e ad attuare per permettere una maggiore inclusione dei cittadini disabili. Queste linee guida sulla standardizzazione dei prodotti e dei servizi su misura dei disabili riguardano più da vicino bancomat, e-book, computer, smartphone e biglietterie automatiche, ma anche i self check-in all’interno degli aeroporti, i trasporti di ogni genere, i servizi di telefonia, i servizi audiovisivi e il commercio online. Tutte queste branche del vivere comune dovranno in sostanza rendersi più accessibili agli occhi dei cittadini portatori di un qualche handicap.

Secondo quanto è stato riportato da Ansa, sulla base di questo protocollo, i produttori e i fornitori di servizi avranno la possibilità di esportare con maggiore facilità i prodotti e i servizi che risultano essere conformi ai requisiti dell’Ue (il motivo è semplice: i produttori non dovranno più attenersi alle misure stabilite dai singoli Stati ma prendere come metro di riferimento solo ed esclusivamente le linee guida dettate dagli organi comunitari).

Tutti questi interventi dovrebbero peraltro tradursi in una maggiore spinta agli investimenti con una propagazione dell’offerta e una riduzione dei prezzi a tutto vantaggio, naturalmente, dei consumatori con disabilità. Tra l’altro occorre ricordare che rendere prodotti e servizi più accessibili vuol dire facilitare non solo la vita dei disabili, ma anche quella degli anziani normodotati: il progressivo invecchiamento della popolazione che nel 2050 dovrebbe conoscere un raddoppiamento degli over 60 è un dato emblematico in questo senso!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *