Cerca nell'archivio


mobilità> 13 febbraio 2009

Con audio-guida e radiofrequenze la Basilica apre anche ai non vedenti

SANTA GIUSTA (OR) – La Basilica dedicata a Santa Giusta sarà la prima in Italia a dotarsi di una tecnologia innovativa detta Rfid (Radio frequency identification). L’iniziativa nasce dalla necessità di rendere accessibile un luogo di culto e d’interesse turistico-culturale ai non vedenti, i quali con questa tecnologia potranno essere guidati all’interno della Basilica attraverso un’audio-guida e dei tag disseminati all’interno dell’edificio che permetteranno loro di potersi muovere in piena autonomia ascoltando informazioni relative alla struttura e agli aspetti storico-culturali che la contraddistinguono.
La tecnologia Rfid permette il riconoscimento a distanza di persone, animali e oggetti sfruttando le onde radio. I dati vengono memorizzati in un microchip e poi letti grazie a un’antenna che trasmette i segnali radio verso il reader Rfid. Quindi si tratta di una soluzione che si basa su due macro-componenti (il sistema di tag sparsi nell’ambiente e un’audio-guida che rileva i tag e informa chi la utilizza attraverso una voce registrata) che assicureranno un diritto all’accesso ai luoghi di culto anche alle persone svantaggiate.
Il progetto di ricerca e sviluppo tecnologico è realizzato dalla società Faticoni di Cagliari, denominato Tarv (Turismo assistito Rfid per non vedenti), rientra nel Por Sardegna 2000-2006.  Particolarmente soddisfatto il capo progettista, Francesco Ibba: «Si tratta di un esperimento che viene fatto per la prima volta in Italia e che porta con se aspetti importanti oltre che dal punto di vista tecnologico anche da quello umano, tenuto conto che anche le persone svantaggiate potranno godere della bellezza di questa Basilica, simbolo del Romanico in Sardegna».
E proprio l’aspetto culturale è stato affidato a uno dei maggiori esperti dell’arte Romanica in Sardegna. Infatti, le informazioni storico-artistiche che si potranno ascoltare nell’audio-guida sono state curate da Roberto Coroneo. Pertanto l’audio-guida si presenta come un audio-libro di cui possono far uso tutti e che rappresenta un valido strumento di arricchimento culturale volto a valorizzare la ricchezza storico-architettonica della Basilica e a dare la possibilità a chiunque di poter apprendere dati fondamentali per avere una visione più ampia di una realtà artistica di estrema importanza.  Per la realizzazione di questo progetto, complesso e innovativo, è stata necessaria la partecipazione e la collaborazione di diverse persone. Se l’amministrazione comunale si è resa disponibile affinchè il progetto potesse prendere il via, è stato di fondamentale importanza anche l’impegno e la disponibilità di chi, la Basilica, la conosce molto bene. Si tratta di don Paolo Ghiani che, appena ricevuta la proposta, si è detto entusiasta del progetto: «Ho accolto favorevolmente l’iniziativa: l’ho trovata particolarmente interessante dal punto di vista umano e da quello tecnologico.», ha affermato il parroco, «In questo modo la Basilica diviene realtà viva, architettonicamente e spiritualmente».
Nicola Podda (lanuovasardegna.repubblica.it)

Commenti (1)

  1. piero:

    Volevo segnalare tre sentieri per non vedenti realizzati a luglio 2009 presso il parco NAzionale dell’Asinara, da Logus, una ditta di prodotti innovativi che si occupa anche delle disabilità.
    La brochure dei sentieri si può trovare presso questo link: http://www.logus.it/casehistory.html
    Nello stesso sito si trova un’altro dispositivo per non vedenti chiamato Luxi, anch’esso molto interessante.

    Distinti e Cordiali SAluti

    pier luigi lai